Miti e Leggende

Punta Campanella Diving Center  (SeaLand Adventure srl)

Punta Campanella

L'etimologia di Punta Campanella, deriva da 2 storie legate ad una campana. La prima leggenda narra di una campana posta all'interno della torre Minerva, ancora visibile sul promontorio, suonata dai soldati alla vista delle navi saracene. L'altra invece racconta che, durante un'incursione saracena, nella penisola sorrentina, fu saccheggiata la chiesa di S. Antonino Abate (santo patrono di Sorrento), da cui fu sottratta la campana. Quando la flotta saracena giunse nei pressi di Punta Minerva (punta campanella), ostacolata da una forza misteriosa, per doppiare il capo fu costretta a gettare in mare la campana di bronzo. La leggenda vuole che ogni 14 febbraio, festa del santo patrono, dal mare si senta il suono della campana.

Punta Campanella Diving Center  (SeaLand Adventure srl)

Scoglio del Vervece

Il suo nome deriva dal latino vervex (caprone). Un'antica leggenda narra che le donne di Massa Lubrense, temendo che i i vicini abitanti di Sorrento volessero sottrargli lo scoglio, avessero tentato di tirarlo a riva con l'ausilio di una fune.

Nel tentativo, la fune si ruppe e le donne massesi caddero a terra e nel forte impatto subirono "l'appiattimento del fondoschiena".

Punta Campanella Diving Center  (SeaLand Adventure srl)

Capri e Li Galli - Le isole delle sirene

Secondo la leggenda la "residenza" delle mitologiche Sirene era posta lungo la costa dell'Italia meridionale, al largo della penisola di Sorrento, nello spazio di mare compreso tra gli isolotti de' Li Galli e l'isola di Capri; con il fascino della loro musica esse attiravano i marinai che passavano nelle vicinanze; le navi si avvicinavano allora pericolosamente alla costa rocciosa, schiantandosi contro di questa, e le Sirene divoravano gli imprudenti. Anche Ulisse solcò queste acque ma, preavvertito da Circe, ordinò ai suoi uomini di tapparsi le orecchie con la cera; lui stesso si fece legare ad un albero della nave, vietando ai compagni di slegarlo, qualunque supplica avesse loro rivolto. La storia racconta che le Sirene, indispettite dal proprio insuccesso, si buttarono in mare e affogarono.